Home » Servizi alle Imprese » Cos’è una Start Up: dal significato al registro delle imprese

Cos’è una Start Up: dal significato al registro delle imprese

Come aprire una Start Up: Definizione, Requisiti e Business Model

Cos'è una Start up: dal Significato al Registro delle Imprese

Cos’è una Start up? In questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie per capire come aprire una Start up da zero. 

Il nostro esempio di Start up ti consentirà di svolgere tutti i passaggi fondamentali senza commettere errori. 

Capirai il significato di Start up fino al arrivare all’iscrizione della tua Start up al registro delle imprese, passando per la definizione del Business Model e la comprensione di esempi di Start up di successo

Cos'è una Start up

Definiamo cos'è una Start up, in quale ecosistema economico si sviluppa, i vantaggi e i rischi.

Start up Significato e traduzione

Iniziamo col definire il significato di Start up attraverso la sua traduzione e le sue origini.

Start up Registro delle Imprese

Segui tutti i passaggi del nostro esempio di Start up per arrivare fino all'iscrizione del registro delle imprese.

Cos’è una Start Up

Start up: Collegamenti Rapidi

Il significato di Start up

Cos’è una Start up: Significato, Traduzione e Origini

Prima di capire cos’è una Start up è necessario definire il significato di Start up. 

Il significato di Start up deriva dal termine Upstart che compare per la prima volta intorno al 1550. Con il termine upstart si definisce: «un plebeo che è riuscito a passare da una posizione umile a una di potere». Dal 1560 il significato di Start up prende il senso di “balzare in piedi”.

Start Up Significato

Il significato di Start up in senso imprenditoriale, viene usato per la prima volta nel 1976 da Forbes: «Il business fuori moda di investire in Start up nel campo dell’elaborazione elettronica dei dati».

Start Up Traduzione

  1. To Startup traduzione (a company): avviare un’impresa
  2. Start-up traduzione: nuova impresa
  3. To Start up traduzione: creare, costruire, fondare
  4. Startup traduzione: specifico tipo di impresa

Definizione di Start up

Cos’è una Start up: definizione secondo Blank e Ries

cos e una start up definizione di start up cosa sono le start up start up definizione start up business model servizi alle imprese aim business school

Le Start up non sono i prodotti che producono, le scoperte tecnologiche che vengono raggiunte o la modalità di gestione dei loro dati.

Cosa sono le Start up?

Le Start up sono l’insieme delle persone, della organizzazione e del modello di business che sono riuscite a sviluppare nel tempo.

La definizione di Start up fa riferimento ad un organismo superiore alla somma delle sue parti; una Start up è un’impresa profondamente umana.

Definizione di Start up secondo Blank

Steve Blank (Standford University) ha definito cos’è una Start up: “è un'organizzazione temporanea progettata alla ricerca di un modello di business ripetibile e scalabile”.

Definizione di Start up secondo Ries

Eric Ries (Imprenditore e Scrittore) ha spiegato una Start up cos’è: “un organizzazione che è stata lanciata per creare nuovi prodotti o servizi in condizioni di estrema incertezza”.

Start up business model

Una Start up è diversa dalle imprese “normali”, in quanto crea business model auto-sostenibili scalabili ed esplora nuovi canali di vendita.

Startup economiche e non economiche

Le motivazioni alla base dello sviluppo di una Start up possono essere di natura economica e non economica. Parliamo di Start up Economiche quando l’obiettivo è la compensazione monetaria, il riconoscimento sociale, il raggiungimento di uno status elevato o di una buona reputazione professionale. Le Start up Non Economiche si focalizzano sugli obiettivi e la soddisfazione individuale.

Valori culturali e settori commerciali delle Start up Innovative

Cos’è una Start up: L'Ecosistema delle Start up Innovative

L’ economia globale delle startup è stata valutata dal World Economic Forum in 2,8 miliardi di dollari nel 2019. Il Mercato delle Start up innovative cresce quindi tre o quattro volte più veloce rispetto alle altre economie.

Questi dati evidenziano l’importanza del ruolo delle start up innovative nella ripresa economica e più in generale nelle economie nazionali. In generale le Start up innovative sono riuscite a creare posti di lavoro di lunga durata e caratterizzati da un livello di remunerazione più alto rispetto alle medie dei vari settori commerciali di riferimento.

Valori Culturali delle Start up

I team che compongono le Start up innovative sono sia demograficamente (genere, etnia, orientamento sessuale) che esperienzialmente diversi (status socioeconomico, aree di specialità, livelli di esperienza).

Come emerge da un articolo di Jennifer Spencer pubblicato su Entrepreneur.com sembra che questi valori culturali possano creare terreno fertile per l’innovazione, facilitando quindi la flessibilità e i tempi di risposta alle dinamiche del mercato.

Settori commerciali coinvolti

Le startup innovative possono avere successo in ogni settore, dalla sanità, all’agricoltura passando dai servizi fino ad arrivare alle tecnologie più evolute.

cos e una start up start up innovative start up italia start up abbigliamento start up turismo start up di successo aim business school

Contesto economico e caratteristiche delle Start up

Start up come fenomeno commerciale

start up innovative esempi start up italia start up abbigliamento start up turismo start up di successo start up o start up aim

Governare fenomeni in rapida crescita e sperimentare nuove idee di business si sono dimostrati elementi troppo rischiosi e complessi per attrarre imprese già avviate.

D’altra parte i rendimenti elevati, il rapido feedback dei mercati, la riduzione delle barriere all’entrata (formazione, accesso alle tecnologie e al credito), sono divenuti i propulsori fondamentali per lo sviluppo del fenomeno commerciale chiamato Start up.

Le principali motivazioni di fallimento (circa il 90%) secondo l’ultimo Start-up Genome Report sono da riferire alle scelte sbagliate e alla mancanza di preparazione dei fondatori. Tutti elementi che attraverso questo articolo potrai conoscere e anticipare.

Le Start up Innovative nell’economia

Le Start up innovative possono contribuire al dinamismo di una economia poiché continuano a proporre nuove soluzioni e incoraggiare una concorrenza positiva nel mercato.

Le caratteristiche dei lavori nelle Start up Innovative

Le Start up di successo creano nuovi posti di lavoro che contribuiscono alla crescita economica a lungo termine. Molte startup innovative preferiscono assumere neolaureati piuttosto che professionisti esperti.

Gli ambienti di lavoro nelle Start up Innovative

Di solito le Start up innovative sono più dinamiche al cambiamento tecnologico. Le Start up innovative creano ambienti di lavoro più confortevoli in cui i dipendenti hanno piacere di lavorare e sono motivati ad ottenere risultati migliori.

Start up di successo e società

Le Start up di successo possono portare un impatto positivo nella società poiché stimolano la creatività e contribuiscono a creare una nuova mentalità.

Come apririe una Start up: 3 momenti critici

Esempio di Start up Framework

Se vuoi aprire una Start up allora devi prima capire cos’è una Start up e poi seguire passo passo le fasi esempio di start up che ti proponiamo.

Come abbiamo visto le Start up sono organismi viventi. In particolare le Start up in fase iniziale operano in condizioni di estrema incertezza sempre alla ricerca del giusto adattamento prodotto-mercato.

Le sfide e le opportunità di ciascuna fase sono uniche. La comprensione di queste dinamiche ti aiuterà ad anticipare le sfide e permetterà ad un investitore di stabilire le giuste aspettative.

Una Start up si sviluppa attraverso dimensioni interdipendenti come obiettivi dell’organizzazione, cliente, prodotto, finanza, modello di business, ricavi, team e cultura dell’organizzazione.

Esempio di Start up Framework

L’esempio di start up d’impresa qui proposto passa attraverso un framework di sviluppo multidimensionale. Capirai tutti gli elementi di ciascuna dimensione e cosa dovrai fare per aprire una start up di successo.
Nello specifico dividiamo il processo evolutivo di una Start up in:

  1. Start up Bootstrapping: ideazione e finanziamenti
  2. Start up Seed Stage: creazione e lancio
  3. Start up Creation: sviluppo e mercato
esempio di start up fondare una start up start up serie tv start up cosa sono start up bootstrapping start up seed stage start up creation

Esempio di Start up: la prima fase di finanziamento, Bootstrapping

Nella prima fase - Bootstrapping Stage - la Start Up è considerata una Idea Company: senza ricavi e con perdite. Altri studiosi si riferiscono a questa fase come fase di Bootstrapping, ovvero quella fase caratterizzata da elevata incertezza, dalla necessità di comporre la squadra e dall'utilizzo di fondi personali e / o investimenti di familiari e amici.

Esempio di Start up: la seconda fase di sviluppo, Seed Stage

La seconda fase - Seed Stage - viene caratterizzata da piccoli ricavi. Nel Seed Stage la Start up è entrata nel mercato con il suo prodotto e ha acquisito i primi clienti. Tuttavia, le perdite sono ancora in aumento, poiché i ricavi non sono sufficienti a coprire le spese (Damodaran, 2009).

Esempio di Start up: la terza fase di mercato, Creation Stage

Nella terza fase - Creation Stage - le Start up hanno lasciato la fase di avvio, i ricavi sono in crescita e stanno diventando profitti (Damodaran, 2009). Ciò significa che il Business Model è stato dimostrato. Il prodotto è stato accettato dal mercato e l'ex Start up è diventata un'impresa (Viswanathan, 2018).

Start up Bootstrapping Stage

Start up e Finanziamenti iniziali: Bootstrapping

start up finanzianamenti bootstrapping traduzione bootstrapping start up boot strapping methods aim business school

La prima fase è chiamata Bootstrapping e fa parte della storia di quasi tutte le Start up di successo. Queste start-up hanno iniziato senza nessuna disponibilità economica.

È in questa fase che si chiede supporto e coinvolgimento ad amici e familiari. Capiamo cos’è una Start up nella sua fase di lancio. Questa fase può essere riassunta in due momenti:

  1. Ideation: definizione dell’idea potenziale
  2. Concepting: missione / visione, strategia e obiettivi

Bootstrapping Traduzione

Con il termine Bootstrapping Start up Stage si intende il processo di avvio e sviluppo di un'impresa utilizzando molto impegno e nessun investimento da parte di esterni. In altre parole, il Bootstrapping è un processo in base al quale un imprenditore tenta di aprire una Start up utilizzando risorse o denaro limitati.

Start up, Bootstrapping e Costi

Il processo di Bootstrapping Start up è economico: lavorare con i propri soldi significa riuscire a massimizzare le risorse disponibili.

Start up, Business e Bootstrapping

Il Bootstrapping concede indipendenza economica e consente ai fondatori della Start up piena concentrazione sugli aspetti fondamentali del business: vendite e sviluppo del prodotto.

Svantaggi del Bootstrapping

Chi si avvale del processo di Bootstrapping può incorrere nella mancanza di capitale. Possono quindi sorgere problemi quando una Start up non genera velocemente il capitale necessario per sviluppare i propri prodotti e crescere nel mercato. Sebbene il Bootstrapping Start up consenta un maggiore controllo, comporta anche molti più rischi in caso di perdite.

Incubatori di Start up

Start up Seed Stage

incubatore di start up acceleratore di start up start up creation stage aim business school

La Start up entra così in una nuova fase, chiamata fase di Seed. Definiamo cos’è una Start up nella fase di Seed. In Questa fase la Start Up si concentra su:

  1. Ricerca e selezione del team
  2. Sviluppo del prototipo
  3. Ingresso nel mercato
  4. Valutazione dell’impresa
  5. Acceleratori di Start up e incubatori di Start up
  6. Investimenti per far crescere la Start up. 

Possiamo riassumere cos’è una Start up nella fase di Seed in tre momenti:

  1. Committing: sviluppo del prodotto
  2. Validating: convalida del prodotto e dimostrazione della crescita
  3. Scaling: scalabilità del Business Model

Start up Seed Stage: una fase incerta

La fase di Seed è molto spesso una fase incerta, caratterizzata dall'utilizzo del capitale iniziale per sviluppare il prodotto.

Start up Seed Stage: aiuto dagli incubatori di Start up

La Start up cerca supporto dagli acceleratori di Start up e dagli incubatori di Start up. Molte Start up falliscono in questa fase proprio perché non sono riuscite a trovare nessun meccanismo di supporto.

Bill Payne Scorecard Model

Il modello introdotto da Bill Payne per prevedere il tasso di successo di una Start up può, in questa fase, essere utile e fa riferimento a 6 elementi principali:

Start up Creation Stage

Start up Creation Stage

incubatore di start up acceleratore di start up start up seed stage payne scorecard aim business school

La fase di Start up Creation si verifica quando la Start up inizia a vendere i suoi prodotti, entra nel mercato e assume i primi dipendenti. 

Alcuni studiosi ritengono che la fase di Start up si fermi quando questa fase di creazione è terminata. 

La Start up si trasforma in impresa e la finanza aziendale diventa lo strumento principale per il funzionamento dell’impresa. Capiamo cos’è una Start up in questa fase

  1. Establishing: dimostrare previsioni di crescita stabili

Ideation (-2) Formazione / Bootstrapping Stage:

Ambizione imprenditoriale e idea di prodotto

Concepting (-1) Formazione / Bootstrapping Stage:

Definizione della missione / visione, strategia iniziale e obiettivi per i prossimi anni.

Committing (0) Validation / Creation Stage:

Team e fondatori sono impegnati nello sviluppo della versione iniziale del prodotto.

Validating (1) Validation / Creation Stage:

Convalida del prodotto e dimostrazione della crescita iniziale degli utenti o delle entrate.

Scaling (2) Validation / Creation Stage:

Focus sulla crescita misurabile basata su KPI in utenti, clienti, ricavi, quote di mercato.

Establishing (3) Crescita / Creation Stage:

Stabilire le previsioni di crescita che ci si possono aspettare. Questa fase attira facilmente risorse finanziarie e umane.

Come aprire una Start up

Esempio di Start up: Come creare una Start up da zero

Il primo passo per capire come creare una Start up da zero passa, come abbiamo visto, dalla consapevolezza che una Start Up è un soggetto inserito in un contesto più grande. 

Questo contesto è composto da una serie di “ambientiche possono influenzare la riuscita della tua impresa. Su questi elementi esterni hai poca influenza, proprio per questo vanno sempre tenuti d’occhio!

In questo primo esempio di Start up vediamo quali sono le fasi di analisi e quali domande ti puoi fare per capire come creare una Start up.

  1. Società e Cultura: la tua Start up può essere influenzata positivamente o negativamente da fattori sociali, demografici, geografici e culturali? Identificali.
  2. Tecnologia: esistono delle tecnologie in grado di migliorare il tuo prodotto? Definisci quali sono le loro caratteristiche distintive.
  3. Economia: il contesto economico attuale potrebbe favorire o impedire la buona riuscita della tua Start up? Comprendi le dinamiche economiche in atto.
  4. Politica: lo scenario politico prevede opportunità o rischi per l’avvio della tua Start up? Organizzati per cogliere queste opportunità.
  5. Leggi: esistono norme e leggi che dovresti necessariamente seguire per avviare la Start up? Comprendi cosa puoi e soprattutto cosa non puoi fare.
  6. Ambiente ed Etica: ci sono delle restrizioni ambientali o etiche che potrebbero compromettere l’avvio della tua Start up? Ambiente ed Etica sono importanti anche per il tuo consumatore.
esempio di start up come creare una start up aim business school roma master in management corso alta formazione mba

 Opportunità e Minacce

Start up: Idee e SWOT Analysis

idee per start up esempio di start up come creare una start up start up swot analysis aim business school roma master

La fase di ideazione della tua Start up comporta l’identificazione delle esigenze del mercato. Puoi avere il miglior prodotto del mondo ma se questo non soddisfa una reale esigenza dei consumatori allora la tua Start up sarà destinata al fallimento.

Se vuoi seguire l’esempio di Start up che ti stiamo offrendo devi iniziare a conoscere tutte le dinamiche che governano il tuo futuro mercato. Cerca dei dati attraverso professionisti, ricerche di mercato e pubblicazioni.

Analisi SWOT

In questo processo è utile svolgere un’analisi SWOT. Questo strumento non solo definisce i tuoi punti di forza e debolezza, le opportunità e le minacce ma soprattutto tempi, impatto e influenza che questi elementi hanno sulla tua impresa. Metti tutto ciò in relazione ai tuoi concorrenti.

Analizza i rischi

Un'analisi SWOT può aiutare la tua Start up a comprendere i suoi punti deboli. Cerca di trovare una soluzione per ogni punto di debolezza. Migliora i tuoi difetti e fai leva sui punti di forza. È così che la tua azienda può migliorare la propria redditività e ridurre le minacce.

Crea una Strategia competitiva e Analisi della Concorrenza

Per creare una Strategia competitiva devi tenere presente la concorrenza. Chiediti come stanno andando i tuoi concorrenti e in cosa sono avvantaggiati. Esegui un'analisi della concorrenza per prodotto, prezzo, promozione, distribuzione e organizzazione. Successivamente, confronta i dati ed escogita una strategia competitiva attuabile.

Risorse necessarie per avviare una Start up

Start up requisiti

Avviare una Start up richiede molto tempo e impegno. È molto frequente che  gli Startupper sottovalutino il tempo necessario per vedere i primi ricavi.

In media il tempo necessario a un’impresa per diventare redditizia può variare da 2/3 anni fino a 5/6, questo perché ogni Start up ha costi iniziali e modi diversi per misurare i propri profitti. 

Vediamo insieme quali sono i requisiti che devi avere per avviare una Start up di successo.

start up requisiti start up innovative requisiti esempio di start up come creare una start up avviare una start up

Valutare l’impegno

Start up: requisiti di Impegno

start up requisiti start up innovative requisiti 2021 esempio di start up come creare una start up avviare una start up

Secondo l’analisi Start ups’ Roads to Failure (Cantamessa, Gatteschi, Perboli, Rosano), si è cercato di mettere in relazione le ragioni del fallimento con gli anni di avvio.

Solo il 44% delle Start up sono riuscite a superare i primi 2/3 anni e solo il 28% a superare i primi 3/5 anni. Il 14% del le Start up sono fallite in meno di un anno e il 14% ha vissuto più di 5 anni.

Questo non deve scoraggiarti, anzi deve spronarti. Ricordati che può essere la tua impresa a rientrare in quelle che hanno successo addirittura nel primo anno!

Start up Requisiti di Tempo

Uno dei principali quesiti che ti dovresti porre prima di aprire una Start up è se sei in grado di dedicare molto tempo a questo progetto.

Start up Requisiti di Risorse

Identifica la tua condizione economica e valuta le risorse da far confluire nella Start up.

Start up Requisiti di Tolleranza al rischio

Avviare una Start up non è una cosa facile. Non solo economicamente ma anche psicologicamente. Devi essere in grado di convivere con il rischio di fallire.

Start up Requisiti: Atteggiamento Flessibile

Cerca di essere flessibile e ricordati che l'importante è andare sempre avanti e rialzarsi dopo ogni errore.

Start up Requisiti: Supporto Manageriale

Cerca di essere critico e capisci se hai bisogno del supporto di un professionista soprattutto nelle fasi di analisi del mercato e finanziarie.

Il Modello di Steve Blank

Verificare le Idee per una Start up: modello di sviluppo

Se stai pensando che le tue idee per una Start up sono geniali allora uno dei tuoi primi passi dovrebbe essere quello di assicurarti che il prodotto che stai creando interesserà i clienti. Questo passo è fondamentale per confermare le tue idee per una Start up di successo.

Il modello di Steve Blank è utile perché riassume le migliori pratiche per verificare se le tue idee per una Start up sono valide. Il modello prevede 4 passaggi. Ogni fase del modello è iterativa: non si passa allo step successivo se prima non si è raggiunti il successo nella fase precedente.

Vantaggi del Modello di verifica delle idee per una Start up:

Attraverso questo modello la tua Start up rimane con un basso livello di “Cash Burn” (spreco di denaro) fino a quando non è sicura di aver trovato i primi clienti paganti.

  1. Customer Discovery: comprensione del cliente, dei suoi problemi e dei suoi bisogni, per progettare il prodotto giusto.
  2. Customer Validation: sviluppo di un modello di vendita replicabile e scalabile, fattore molto importante per finanziatori e Business Angel.
  3. Customer Creation: creazione della domanda degli utenti finali attraverso un percorso certo.
  4. Company Building: è la fase in cui si crea realmente la Start Up e si individuano i modelli di organizzazione e gestione del lavoro.
cos e una start up idee per una start up steve blank start up di successo aim business school roma

Individuazione del cliente della Start up

Start up Customer Discovery: ricerca e testa

esempio di start up customer discovery cos e una start up idee per start up start up registro imprese aim roma

Cos’è una Start Up nella prima fase di Customer Discovery? 

L’obiettivo principale di questa fase è individuare e comprendere il tuo consumatore

  1. Quali sono i bisogni?
  2. Con quale prodotto possono essere soddisfatti?
  3. Esistono prodotti che soddisfano questo bisogno?
  4. Il consumatore combacia con l’acquirente?
  5. Chi può influenzare il processo d’acquisto?

Questo processo ti aiuterà anche a definire quali sono le caratteristiche distintive del tuo prodotto e a renderlo unico.

Fase 1: Definire le idee per una Start up

Definisci chiaramente qual è la tua idea di base e quale problema risolve. Se questa idea non sarà validata nelle fasi successive, allora dovrai ripensarla e rivedere tutto da capo. In questa fase potresti usare la Javelin Board.

Fase 2: Verificare le idee per una Start up

Stabilisci con precisione il tuo consumatore ideale a livello geografico (dove vive?) demografico (quanti anni ha?), sociale (in quale fase delle sua vita si trova?), economico (quanto guadagna?), psicografico (quali sono i suoi valori, in cosa crede?) e comportamentale (quando, come e perché svolge i suoi acquisti?).

Fase 3: Testare il prodotto

Inizia a testare il tuo prodotto su un piccolo gruppo di consumatori. Ascolta i loro feedback e ritorna sul prodotto per modificarlo e aggiornarlo. Passa al punto successivo solo quando questo è concluso.

Convalida del Consumatore

Start up Customer Validation: la conferma del Business Model

esempio di start up customer validation cos e una start up idee per start up start up registro imprese aim business school

Cos’è una Start Up nella seconda fase di Customer Validation?

Questa fase è “la prova del nove” della Start up. In questo passaggio avviene la “convalida” del cliente. Devi stabilire il percorso esatto e replicabile avvenuto nelle prime vendite ma questa volta su scala più grande. 

La convalida del cliente dimostra che sei riuscito a trovare un insieme di clienti e un mercato che reagiscono positivamente al tuo prodotto.

Conferma del modello di Business della Start up

In sostanza, la Customer Discovery e la Customer Validation confermano il tuo Business Model.

Verifica del mercato di riferimento

Il completamento di questi primi due passaggi ti permette di verificare il tuo mercato. Potrai individuare i tuoi clienti e testare la percezione del tuo prodotto. Sarai in grado di stabilire la tua strategia di prezzo, di distribuzione e controllare il processo di vendita.

Replicabilità e Scalabilità delle idee per una Start up

Se, e solo se, trovi un gruppo di clienti raggiungibili con un processo di vendita ripetibile potrai passare al passaggio successivo (aumentare la scala)

Creare la domanda d’acquisto

Start up Customer Creation: promozione e distribuzione

esempio di start up customer creation cos e una start up idee per start up start up registro imprese aim business school

Cos’è una Start Up nella terza fase di Customer Creation?

La Customer Creation serve a salvaguardare le finanze della Start up. Inoltre tiene basso il Cash Burn Rate, consentendo all’impresa di non investire ingenti somme di denaro.

Più in generale questa fase è caratterizzata dall’avvio di una forte promozione.

Customer Creation e Mercato

Domandati  prima di tutto in quale fase di consapevolezza si trova il tuo consumatore.

Consapevolezza del problema:

Il tuo consumatore è già consapevole di avere una necessità? Se si, allora passa al punto successivo, al contrario tutta la tua promozione dovrà puntare a far emergere questa necessità.

Ricerca delle informazioni:

Il tuo consumatore è consapevole delle sue necessità e ha iniziato a ricercare le informazioni su come poterle soddisfare? Se sei in questa fase allora individua i canali di ricerca di queste informazioni e cerca di essere presente proprio lì.

Prodotto Sostitutivi e acquisto:

Non solo il tuo consumatore è consapevole e informato ma è già alla ricerca di prodotti sostitutivi? Cerca di intercettarlo attraverso tutti i canali possibili e comunica perché il tuo prodotto è migliore degli altri.

Creazione della Start up

Company Building: arrivare ad aprire una Start up

aprire una start up esempio di start up company building start up registro imprese aim business school

Come abbiamo visto nel nostro esempio di Start up,  arrivare ad aprire una Start up non è una cosa così semplice. 

È necessario valutare bene l’idea, testarla e creare le condizioni ottimali affinché abbia successo. 

Ad ogni modo, se sei arrivato fino a qui, allora questo è il momento di passare dalla fase in cui si capisce cos’è una Start up a creare l’impresa vera e propria!

La fase del Company Building prevede la creazione di una rete vendite, un ufficio marketing, il team e lo sviluppo aziendale.

Mission, Risorse Umane e crescita della Start up

Verifica che tutto il personale sia chiaramente focalizzato al raggiungimento degli obiettivi principali. È importante determinare se il personale di cui disponi può affrontare sfide più dure. Questo non significa valutare se hai abbastanza persone ma di assicurarti che tutti stiano lavorando alla stessa missione. Per questo la Mission deve indicare:

Reparti Agili

Nell'ultima parte della costruzione dell'azienda, assicurati che tutto ciò che hai costruito fino ad ora sia agile, scalabile e in grado di essere a "risposta rapida". Non c'è niente di peggio che creare un dipartimento che deve rispondere a un altro dipartimento.

I primi passi per arrivare al registro delle imprese

Start up, Registro Imprese: il primo passo, il Business Plan

Il primo passo per arrivare al registro delle imprese della Start up è la creazione del Business Plan. 

Un Business Plan è una descrizione strategica di come la tua Start up raggiungerà la redditività. Si tratta infatti di un documento che nel tempo dovrà essere rivisto per riflettere le condizioni attuali dell’azienda e del mercato in cui opera.

Il Business Plan ti aiuta a considerare sistematicamente tutti gli aspetti del tuo business dimostrando inoltre agli investitori che hai esplorato sia il mercato che il modo in cui il tuo prodotto si adatterà a quest’ultimo.

start up registro imprese business plan start up aprire una start up esempio di start up aim business school

Il Riepilogo Esecutivo

Start up, Registro Imprese: Il Business Plan e l’Executive Summary

business plan executive summary esempio start up registro imprese start up aprire una start up esempio di start up aim business school

L’Executive Summary del Business Plan non è altro che un’istantanea dell’attività. È la prima opportunità per catturare l’interesse di un investitore e dovrebbe contenere:

  1. Focus sul cliente NON sulla tecnologia
  2. Analisi della concorrenza
  3. Elementi importanti del piano strategico
  4. Attuale struttura del capitale

Domande per creare l’Executive Summary del Business Plan

Per poter realizzare un Executive Summary del Business Plan lasciati guidare da alcune semplici domande come queste:

Descrizione delle attività della Start up

Start up, Registro Imprese: Descrizione delle Attività del Business Plan

business plan descrizione attivita esempio start up registro imprese start up

La descrizione delle attività della Start up presente nel Business Plan fornisce informazioni più complete sulla missione della tua Start up rispetto a quelle fornite nell’ Executive Summary. 

Se l’Executive Summary è una presentazione, la descrizione delle attività è più descrittiva e aiuta gli investitori a comprendere rapidamente gli obiettivi dell’azienda, la sua posizione unica nel mercato e più in generale cos’è una Start up.

Esigenze del mercato

Descrivi quali sono le necessità manifestate dal tuo mercato di riferimento, quali sono le dinamiche competitive e se è un mercato in crescita, stagnazione o declino.

Spiegazione di come i prodotti soddisfano Le esigenze

Descrivi in che modo il tuo prodotto soddisferà in maniera unica le esigenze dei consumatori e perché dovrebbero scegliere proprio la tua Start up.

Clienti serviti

Descrivi specificatamente il profilo dei tuoi consumatori puntando l’attenzione sulle loro necessità.

Vantaggi competitivi

Descrivi quali sono i tuoi punti di forza come l’esperienza delle risorse umane coinvolte, le tecnologie all’avanguardia utilizzate e il processo di creazione del valore per il consumatore finale.

Start up Marketing Plan

Start up, Registro Imprese: Piano di Marketing

Nel Business Plan è importante mostrare come il tuo prodotto sarà posizionato nelle menti dei clienti rispetto alla concorrenza. Questo compito è svolto dal piano di marketing della Start up. Gli elementi che meritano considerazione sono:

  1. Fattori chiave nel processo di selezione del cliente
  2. Percezione del cliente delle prestazioni della concorrenza nei fattori chiave
  3. Come si comporterà l’offerta della tua start-up nei fattori chiave
  4. Obiettivi relativi alla quota di mercato e come saranno raggiunti

In questo percorso esempio di Start up gli investitori potrebbero voler sapere che hai considerato attentamente il mercato a cui mirerà la tua start-up. Il piano di marketing deve affrontare le dinamiche che governano l’ambiente competitivo.

Se vuoi approfondire ti consigliamo di seguire questo corso.

start up marketing esempio start up registro imprese start up aprire una start up esempio di start up aim

Dati e trend del mercato

Start up, Registro Imprese: Analisi di Mercato

business plan analisi di mercato esempio start up registro imprese start up aprire una start up esempio di start up aim business school

Un passo molto importante che avvicinerà la Start up al registro delle imprese è l’analisi di mercato.

Nelle analisi di mercato devi presentare le ricerche che mostrano lo stato attuale del segmento di settore della tua Start up, nonché il mercato di destinazione per il tuo prodotto o servizio. 

Una descrizione specifica del mercato di riferimento

Descrivi le caratteristiche uniche del mercato di riferimento della tua Start up. Esistono delle dinamiche specifiche?

I ricavi e i tassi di crescita del mercato

Mostra quanto ti attendi che il business della Start up genererà nel prossimo quinquennio.

Una dimostrazione di una forte esigenza del mercato per il tuo prodotto o servizio

Dimostra che questo mercato ha una reale esigenza del tuo prodotto e che questa necessità non è ancora stata soddisfatta nel migliore dei modi.

Un'analisi competitiva

Quali sono i tuoi competitor diretti? Quali sono quelli indiretti? Che prodotti offrono? A quale prezzo? Questi prodotti come vengono distribuiti? Attraverso quale canale promozionale vengono pubblicizzati?

Target Start up

Start up, Registro Imprese: Segmentazione, Targeting e Posizionamento

start up target esempio start up registro imprese start up aprire una start up esempio di start up aim business school

Il prossimo passo del nostro esempio di Start up di successo è identificare cos’è una Start up nella ricerca dei segmenti di potenziali clienti. 

Questa fase è fondamentale per posizionare l’offerta della tua Start up nella mente del tuo target.

La Segmentazione:

I segmenti di mercato sono gruppi di potenziali clienti che condividono dati demografici (ad es. età, reddito, sesso, occupazione), geografici (ad es. nazione, regione, urbano o rurale) e stile di vita (ad es. single vs. orientato alla famiglia) e comportamentali

Lo Stato del Consumatore

Definisci lo stato dell’utente (non utente vs utente), il tasso di utilizzo (utente leggero, medio, pesante), i vantaggi ricercati (orientati alle prestazioni vs. orientati al prezzo), lo stato di lealtà (infedele, moderato, forte, totalmente leale) e l’atteggiamento verso il prodotto (insoddisfatto, soddisfatto, deliziato).

Posizionamento

La dichiarazione di posizionamento è una descrizione di come la tua azienda desidera essere vista dai suoi clienti. In sostanza, è il modo in cui vuoi che i clienti pensino alla tua offerta in relazione alla concorrenza.

Start up Marketing Mix

Start up, Registro Imprese: Marketing Mix

start up marketing mix esempio start up registro imprese start up aprire una start up esempio di start up aim business school

Il Marketing Mix è l’insieme di tutte le decisioni strategiche prese riguardo al prodotto, al prezzo, alla distribuzione e alle promozione

Per Marketing Mix si intende quindi una “ricetta” unica che contraddistingue la tua dalle offerte dei tuoi concorrenti.

Prodotto

Il prodotto non è semplicemente l’oggetto tangibile che la Start up vende, ma per prodotto si intende l'intero “pacchetto” di vantaggi offerti al consumatore. Questo è il concetto di prodotto totale o di prodotto integrato.

Prezzo

Il valore percepito è il prezzo massimo che i clienti sono disposti a pagare per il tuo prodotto. La differenza tra il prezzo massimo che i clienti pagheranno e il costo effettivo di produzione del prodotto è il valore che la tua azienda produce.

Distribuzione

I luoghi in cui la tua Start up renderà disponibile il suo prodotto saranno influenzati da considerazioni come il prodotto stesso, il mercato di riferimento e il posizionamento.

Promozione

La promozione è il modo in cui la tua Start up comunica ai clienti i vantaggi della sua offerta e comprende la pubblicità, la promozione e le relazioni pubbliche.

Start up Canvas

Start up Business Model

Sebbene il Business Model di una start-up sia considerato da tutti gli studiosi come una condizione chiave per la redditività e il successo aziendale, la sua conoscenza non è ancora così approfondita.  Per questo motivo ancora oggi coesistono punti di vista e approcci differenti fra loro. 

Devi comunque sapere che la definizione di un modello di business efficiente ed efficace può aumentare le prestazioni della tua Start up e contribuire ad un minore fallimento nella fase di avvio della Start up.

La visualizzazione più diffusa del modello di business è il concetto di Canvas di Osterwalder e Pigneur. Questo modello contiene nove blocchi: proposta di valore, segmenti di clienti, relazioni con i clienti, canali di distribuzione, processi chiave, risorse chiave, partner chiave, struttura dei costi e flussi di entrate. 

Business Model definizione:

Un Business Model è un piano operativo per gestire in modo redditizio un’attività in un mercato specifico.

Una componente primaria del Business Model è la proposta di valore: una descrizione dell’offerta e del motivo per cui è desiderabili per i clienti in un modo che differenzia il prodotto dai suoi concorrenti.

AIM ha creato un Start up Canvas Business Model completo ed efficiente. Vediamolo insieme.

Se vuoi approfondire ti consigliamo di seguire questo corso.

start up business model open innovation start up registro imprese aprire una start up esempio di start up aim business

Il Business Model dell’Accademia Italiana di Management

Start up Canvas AIM

start up canvas esempio di start up cos e una start up come aprire una start up aim business school roma

L’esempio di Start up Canvas Business Model AIM è composto da due grandi macro aree

Analisi di tutte quelle forze esterne alla Start up che possono influenzarne il successo:

  1. Società e Cultura: trend, demografia e geografia.
  2. Tecnologia: strumenti produttivi attuali e futuri.
  3. Economia: dinamiche economiche in atto.
  4. Politica: opportunità e rischi
  5. Leggi: norme e leggi da seguire
  6. Ambiente ed Etica: restrizioni ambientali o etiche.

Passi operativi per l’avvio e la gestione di una Start up di successo:

Modello delle 5 Forze

Identifica i potenziali concorrenti, la rivalità, i prodotti sostitutivi, il potere dei clienti, il potere dei fornitori.

Analisi della Concorrenza

Numero dei competitor, marketing mix, target, keyword principali, posizionamento e best in class.

Step iniziali

Verifica le tue risorse e le tua competenze. Fai una SWOT della tua Start up. Definisci il target, il prodotto, il prezzo. Individua la distribuzione e profila la comunicazione sul target.

Strumenti di Business

Crea un posizionamento chiaro per il consumatore. Definisci un vantaggio competitivo reale. Comunica una value proposition attrattiva. Identifica un Business Model replicabile e scalabile.

Online

Crea una presenza online credibile, costante e fresca. Cerca di rimanere in contatto con i consumatori e di ascoltare le loro necessità.

Tanto sforzo per nulla!

Start up: Ragioni per non guadagnare ricavi

start up requisiti start up agevolazioni start up abbigliamento aim business school roma

Le ragioni per non guadagnare ricavi possono essere molte, ma le principali sono attribuibili a: prodotto incompleto, distribuzione non idonea, capacità produttiva insufficiente e organizzazione non performante.

Vediamo cos’è una Start up che non produce ricavi e quali possono essere le principali origini.

Difficoltà nell'aprire una Start Up

Il prodotto non è stato sviluppato seguendo le richieste dei consumatori e quindi risulta poco attrattivo per il mercato.

Difficoltà nello Sviluppo di una Start up

La distribuzione individuata si dimostra inadeguata, non riesce quindi a servire correttamente il target. In questa fase potrebbe verificarsi anche una incapacità produttiva non in grado di soddisfare tutte le richieste del mercato.

Difficoltà nella crescita di una Start Up

Nell’ultima fase i principali fattori di rischio per una Start up sono la selezione di un team non in grado di crescere al ritmo dell’impresa e la necessità di finanziamenti aggiuntivi ancora non ottenuti.

Valutare l’impegno

Star up e Performance

start up investimenti start canvas esempio di start up cos e una start up aim business school roma

Dagli studi effettuati sulla relazione fra Business Model, performance e stabilità evolutiva emerge che la scelta e l’attuazione di un Business Model replicabile e scalabile è uno dei fattori principali nella determinazione del successo. 

Il livello di evoluzione del modello di business e la sua applicazione sistematica conduce a ricavi più elevati in tempi minori. Le Start up prive di un modello di business efficace dimostrano maggiori difficoltà a produrre ricavi adeguati.

Massima conversione

Le start-up con la massima conversione dimostrano un Business Model in grado di esprimere maggiori performance nelle relazioni con i clienti e con partner chiave.

E-Shop, Sito Web e Distributori

Secondo gli esempi delle start-up con la conversione più alta, si nota che la conversione viene aumentata dal semplice canale di distribuzione individuato, ad esempio, attraverso il proprio e-shop, un sito web e dalla presenza di distributori esperti.

Modifica del Business Model

Potrebbe essere necessario modificare il Business Model adottato in partenza a favore di un nuovo Business Model più performante. Le Start up che dimostrano maggiori ricavi sono anche quelle che dimostrano un livello di adattabilità maggiore alle pressioni e alle dinamiche economiche del mercato di riferimento.

Costituzione Giuridica di una Start up

Start up Registro Imprese: Forme Giuridiche

Portare una Start up fino al Registro delle imprese vuol dire molto spesso aver condotto e superato le prime fasi di analisi e progettazione.

Una Start arrivata al Registro delle imprese dovrà scegliere la forma della sua Costituzione Giuridica. Le entità giuridiche sono opportunità di classificazione della tua attività secondo i parametri riconosciuti dalla legge.

Le principali forme giuridiche previste dal registro delle imprese per un Start up fanno riferimento alle società di tipo C, società a responsabilità limitata (LLC) e società S.

Queste entità differiscono in modo significativo per quanto riguarda tassazione, proprietà, raccolta fondi, governance e retribuzione dei dipendenti.

Ti consigliamo di avvalerti della consulenza sia di un avvocato sia di un commercialista esperti in Start up al fine di consigliarti la forma giuridica più idonea alle tue necessità.

Ad ogni modo vediamo insieme le principali caratteristiche delle entità giuridiche che puoi scegliere.

start up registro imprese aim business school roma

Valutare la forma giuridica

Start up Registro Imprese: Forme Giuridiche

start up registro imprese start up requisiti start up srl start up forfettario start up giovani start up fondo perduto aim

Le imprese individuali sono legate alla figura dell’imprenditore, che risponde illimitatamente dei comportamenti dell’azienda.

Le società di persone (SdP) fanno riferimento a quelle società in cui le persone prevalgono sul patrimonio, anche da un punto di vista giuridico.

Nelle società di capitali (SdC) a costituire il soggetto giuridico non sono i soci a capo della società, bensì la società stessa.

(SdP): Società Semplice (S.S.)

L’oggetto di una s.s. è un’attività economica non commerciale. Non è previsto un capitale minimo necessario e prevede la responsabilità personale illimitata di tutti i soci.

(SdP): Società in Nome Collettivo (S.N.C.)

Nelle s.n.c. i soci si assumono responsabilità illimitata per le obbligazioni social non è prevista la possibilità di escludere uno o più soci dalle loro responsabilità personali salvo rari casi.

(SdP): Società in Accomandita Semplice (S.A.S.)

Nelle società S.A.S. convivono due categorie di soci: gli accomandatari e gli accomandanti. Ai primi spetta l’amministrazione e la gestione della società con responsabilità illimitata ai secondi solo proporzionalmente alla quota societaria di cui dispongono.

(SdC): Società a Responsabilità Limitata (S.R.L.)

Le S.R.L. hanno personalità giuridica e dispongono di un’autonomia patrimoniale perfetta, che fa sì che i soci non siano personalmente responsabili per obbligazioni della società.

(SdC): Società Per Azioni (S.P.A.)

La costituzione di una S.P.A. prevede un capitale minimo di 50.000 euro è dotata di personalità giuridica e autonomia patrimoniale perfetta.

Con quali soldi?

Start up Finanziamenti: Tipologie

Dove posso trovare i finanziamenti per Start up

Nella fase di avvio di una Start up non c’è ancora un bilancio e ancora non si sono prodotti degli utili. Non ci sono garanzie, né una traccia dei risultati commerciali ottenuti. Per questo motivo è molto difficile ottenere credito dal sistema bancario. 

È vero anche che il sistema bancario negli ultimi anni ha tentato di soddisfare queste richieste profilando dei prodotti specifici per le Start up, purtroppo ancora oggi non sono così semplici da ottenere. 

Vediamo insieme dove potresti trovare i finanziamenti e cos’è una Start up per Banche, Business Angels e Venture Capital.

start up finanziamenti per start up bandi per start up agevolazioni start up fondo perduto aim business school

Crowdfunding, Finanziamenti agevolati, Business angel, Blockchain Financing e Venture Capital / Social Landing

Start up Finanziamenti: Tipologie

start up finanziamenti crowdfunding start up business angels blck chain financing aim business school

In questa parte del nostro esempio di Start Up ti offriamo una serie di alternative percorribili per ottenere i finanziamenti per Start up. Come:

  1. Crowdfunding
  2. Finanziamenti agevolati
  3. Business angel
  4. Blockchain Financing
  5. Venture Capital / Social Landing

Crowdfunding

Il Crowdfunding vede coinvolte più persone che tramite piattaforme internet, partecipano al finanziamento di un progetto. Questi finanziatori ricevono in cambio un premio («reward»), oppure acquistano un titolo di partecipazione («equity»). Occorre preparare un business plan e una presentazione («pitch») con la descrizione del progetto e del team.

Finanziamenti Agevolati

Sono emessi da agenzie statali e/o europee. Invitalia è l’agenzia nazionale creata per incentivare la creazione di nuove imprese. Il suo finanziamento Smart&Start Italia è proposto alle startup innovative e prevede zero interessi.

Business Angels

Sono investitori privati che generalmente entrano nel capitale delle startup, ma che possono anche contribuire con le loro competenze ed esperienze specifiche.

Blockchain Financing

In Blockchain Financing è una raccolta di fondi tramite token digitali al posto delle azioni che consente agli investitori di ottenere prodotti o servizi e partecipare al progetto aziendale.

Venture Capital / Social Landing:

Questi soggetti sono investitori istituzionali che entrano nel capitale delle startup già avviate con l’obiettivo di farle crescere e rivendere le azioni entro un periodo di 6-8 anni.

Start up Jobs

Informazioni per le Start up che assumono

Ci sono molte regole che devono essere seguite dalle Start up che assumono nuovo personale. 

In questo esempio di Start up ti forniamo una panoramica di base dei requisiti legali che dovresti conoscere prima di assumere dipendenti. 

Inizieremo con le leggi sul lavoro e l’occupazione e termineremo con accordi di non divulgazione e non concorrenza, tutte informazioni fondamentali per capire cos’è una Start up che assume nuovo personale

Se vuoi approfondire l’argomento potresti seguire un corso come questo.

start up che assumono start up registro imprese start up jobs aim business school

Direttive per le Start up che assumono

Start up Jobs e legge

start up che assumono start up registro imprese start up jobs startupper aim business school

Sono considerati lavoratori dipendenti o lavoratori subordinati coloro che si impegnano, per effetto di un contratto e in cambio di una retribuzione, a prestare il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione di un soggetto detto datore di lavoro.

Il datore di lavoro impartisce le istruzioni al dipendente, gli fornisce le materie prime e gli strumenti necessari allo svolgimento della prestazione lavorativa.

Start up Jobs: Gli incentivi per assumere un lavoratore

La legge mette a disposizione dei datori di lavoro una serie di incentivi per incoraggiare l'assunzione di alcune categorie di lavoratori. Gli incentivi possono consistere in riduzioni dell’aliquota contributiva o bonus economici. Gli incentivi all’assunzione sono rivolti a particolari categorie di soggetti svantaggiati.

Start up Jobs: Il sistema del lavoro accessorio e occasionale

L’assunzione di un lavoratore può avvenire attraverso differenti formule contrattuali. Tra queste, il sistema del lavoro accessorio consente a qualsiasi soggetto di impiegare qualsiasi tipologia di lavoratore, per svolgere qualsiasi attività lavorativa (buoni lavoro o voucher).

Start up Jobs: Accordo di riservatezza

Un accordo di riservatezza, o accordo di non divulgazione, serve a proteggere da eventuali comunicazioni a terzi i contenuti all'interno dell'accordo stesso. Più precisamente le parti decidono che il contenuto dell'accordo non verrà comunicato ad altre parti.

La disciplina della proprietà intellettuale

Start up e Proprietà Intellettuale del Business

In alcune circostanze le Start up si ritrovano a dover tutelare il prodotto del loro ingegno. Per questo abbiamo ritenuto interessante inserire questa sezione, volta a chiarire cos’è la proprietà intellettuale e a capire come si può tutelare.

Proprietà intellettuale: Significato

Il termine proprietà intellettuale denota l’insieme di norme e principi giuridici che hanno come scopo principale, quello di tutelare le opere nate dall’ingegno e dalla creatività umana

La legge garantisce ai creatori un diritto esclusivo nello sfruttamento delle loro creazioni o invenzioni e li aiuta con alcuni strumenti legali che servono a difendersi da eventuali abusi di soggetti non autorizzati.

start up registro imprese cos e una start up significato aim business school

Tutela della proprietà intellettuale

Start up Proprietà Intellettuale: brevetti e diritto del marchio

start up proprieta intellettuale brevetti diritto marchi aim business school

Con l’espressione proprietà intellettuale ci si riferisce a quell’insieme di beni immateriali frutto dell’attività creativa/inventiva umana come ad esempio le opere artistiche e letterarie, le invenzioni industriali, i modelli di utilità, il design, i marchi.

Cos’è un brevetto:

Il brevetto è un titolo giuridico che conferisce il monopolio esclusivo di sfruttamento dell’invenzione limitato nel tempo e al territorio prescelto. Può essere Nazionale, Europeo, Unitario o Internazionale.

Diritto dei Marchi

Ai sensi dell’art. 7 del Cod. della proprietà industriale possono costituire oggetto di registrazione come marchio d'impresa tutti i segni suscettibili di essere rappresentati graficamente purché siano atti a distinguere i prodotti o i servizi di un'impresa da quelli di altre imprese.

Registrazione del Marchio e durata

La registrazione di una marchio presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi (UIBM) garantisce data certa e consente una protezione rafforzata ed altrimenti dovrà essere dimostrata la notorietà ed il preuso. La registrazione dura dieci anni e può essere rinnovata ogni volta per ulteriori dieci anni.

Esempi di start up di successo

Start up innovative: esempi

Nel mondo degli affari, tutto ciò che ti dà un vantaggio competitivo vale lo sforzo compiuto. 

Un modo incredibilmente efficace per ottenere questo vantaggio è leggere i casi studio più rilevanti e capirne gli elementi di successo e difficoltà.

Questi casi ti aiuteranno a capire cos’è una Start up innovativa, esempi e modelli di business vincenti

Perfezionerai il tuo percorso di crescita della Start up e ti insegneranno lezioni preziose che altri hanno dovuto imparare nel modo più duro.

start up innovative esempi di start up innovative aim business school

Start up abbigliamento, turismo, agricoltura e green

Start up innovative: esempi di business model

start up abbigliamento start up turismo start up agricoltura start up green aim business school master in management

In questi esempi di Start up abbiamo raccolto  4 fra le storie di successo più recenti per aiutarti e guidarti attraverso il percorso di creazione della tua Start up di successo:

  1. Esempio di Start up abbigliamento: Wardrobe
  2. Esempio di Start up turismo: TRVL Porter
  3. Esempio di Start up agricoltura: Rootwave
  4. Esempio di  Start up Green: Impossible Foods Inc

Esempio di Start up abbigliamento: WARDROBE

Wardrobe è una startup abbigliamento innovativa. L'app consente di prendere in prestito e vendere abiti firmati. Incoraggia a riutilizzare quei capi un po datati che altri non utilizzano più.

Esempio di Start up turismo: TRVL Porter

Fra le Start up turismo citiamo TRVL Porter. Il servizio utilizza tecnologie e stilisti personali per curare il guardaroba dell’utente e inviarlo direttamente alla destinazione scelta.

Esempio di Start up agricoltura: Rootwave

Rootwave è una Start up agricoltura che ha creato un modo innovativo per uccidere le erbacce senza l'uso di erbicidi. Il dispositivo RootWave estirpa le erbacce con un impulso elettrico.

Esempio di Start up Green: Impossible Foods Inc.

Impossible Foods Inc., è una Start Up Green che offre prodotti vegetariani sostenibili a consumatori di tutti gli Stati Uniti. Tramite un complesso processo molecolare, Impossible Foods seleziona proteine e nutrienti specifici dai cibi per creare cibi imitazione.

Assistenza all’avvio di Start up e Incubatore

Incubatore di Start up

Arrivato a questo punto del nostro esempio di Start up hai capito sicuramente cos’è una Start up

Se ti sei reso conto che potresti aver bisogno di una mano per aprire la Start up dei tuoi sogni allora devi sapere che l’ Accademia Italiana di Management ti mette a disposizione un incubatore di Start up per la facilitazione strategica di tutte le fasi di avvio della tua impresa. 

Business Idea

  1. Valutazione preliminare di fattibilità
  2. Individuazione del Business Model perfetto
  3. Affiancamento nell’individuazione delle linee di finanziamento per Start up

Business Strategy

  1. Analisi di contesto e delle concorrenza
  2. Targeting e Posizionamento competitivo
  3. Marketing Mix

Action Plan

  1. Piano Economico-Finanziario
  2. Action Plan
 

 

I servizi AIM per aprire la Start up

Acceleratore di Start up AIM

Incubatore di start up acceleratore di start upaim business school master in management

AIM mette a disposizione delle Start up la valutazione preliminare delle reali potenzialità economiche del progetto

Un pacchetto di soluzioni strategiche innovative per la valorizzazione dell’idea imprenditoriale, l’accelerazione nel mercato, la pianificazione e la programmazione delle fasi operative della tua Start up.

Business Idea

Servizi per la verifica della Business Idea

Business Strategy & Action Plan

Sviluppo del Business e Piano operativo.

Contattaci direttamente o invia una mail

Vuoi Capirne di Più?

Inviaci una Mail

Hai dei dubbi o delle proposte da sottoporci? Non esitare ad inviarci una mail. Di solito rispondiamo subito.

error: Il Contenuto è di proprietà di Accademia Italiana di Management
Torna su

Leggi con calma i servizi alle imprese

Prenota un appuntamento

Cliccando accetto i termini GDPR 

Resta nel "Giro"!

CONDIVIDI QUESTO CONTENUTO ADESSO!
Sarà un motivo per parlare con i tuoi contatti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Leggi con calma l'articolo

Privacy & Cookie Policy Accademia Italiana di Management

Accademia Italiana di Management utilizza cookie tecnici necessari alla navigazione e funzionali all’erogazione del servizio. Utilizziamo i cookie anche per fornirti un’esperienza di navigazione sempre migliore, per facilitare le interazioni con le nostre funzionalità social e per consentirti di ricevere comunicazioni di marketing aderenti alle tue abitudini di navigazione e ai tuoi interessi.

Scarica la Brochure dei Servizi dedicati alle imprese

Scarica la Brochure del tuo Master