Personal Branding Canvas

Personal Branding Canvas, Significato, Esempi, Social e Corsi

Personal Branding Canvas

Il Personal Branding Canvas è uno strumento molto efficace ma funziona davvero solo se inserito in una cornice strategica definita.

Per questo AIM offre un percorso personalizzato di Personal Branding, testato e reso performante da anni di esperienza sul campo. 

In questa pagina troverai le informazioni per capire davvero cos’è il Personal Branding, da dove proviene, a cosa serve e quali sono gli strumenti e i processi che AIM ti mette a disposizione

Personal Branding Canvas AIM Perfetto se:

Se ancora devi iniziare il tuo percorso di Personal Branding o hai appena iniziato.

Cosa Troverai in questa sezione

Troverai tutte le informazioni necessarie per capire di cosa si tratta quando si parla di Personal Branding: dalle origini fino alla guida operativa.

Dopo averla letta

Avrai tutti gli strumenti per iniziare col piede giusto, senza commettere gli errori più comuni.

Personal Branding

Collegamenti Rapidi

Introduzione al Personal Branding

Personal Branding: Evoluzione, Definizioni e Scenari

Per Personal Branding si intendono tutte le quelle attività strategiche utili per creare, gestire e promuovere la propria immagine personale e professionale. Proprio come se fosse un vero e proprio brand.

Il primo a parlare di Personal Branding è, nel 1997 l’esperto di marketing Tom Peters che pubblica un articolo intitolato “The brand called You” . 
L’articolo poneva la persona al centro del processo di personal branding, sottolineando per la prima volta l’importanza del valore del branding per un individuo.

Il Personal Branding è il processo che porta a farci rappresentare in modo unico ed irripetibile nella mente del nostro target di riferimento (datori di lavoro, clienti, partner). 

personal branding perfetto canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Gli step per un Personal Branding perfetto

Dal Personal Marketing al Self Marketing

Iniziare a parlare di Personal Branding, significa prima di tutto comprendere che questo strumento è composto da varie fasi.

Queste due macro fasi sono indispensabili per creare un processo di Personal Branding corretto, gestibile nel tempo e difendibile dai concorrenti. 

Prima di iniziare è necessario però fare un piccolo passo indietro e capire perché, da dove e quando nasce la necessità di promuovere le proprie capacità / abilità in rapporto al mercato di riferimento. Tutto nasce da qui. 

Personal Brading: Definizioni

1 ll Personal Branding è il processo di dare un significato a specifiche organizzazioni, società, prodotti, servizi o persone creando e modellando un marchio nella mente dei consumatori / clienti / target. 

2 Il Personal Branding è una strategia progettata dalle organizzazioni e oggi dagli individui, per favorire il processo di identificazione e di scelta dei loro prodotti / servizi / professionalità rispetto alla concorrenza da parte dei clienti in target.

Personal Branding: dalle origini alle Personalità Strategiche

A quanto pare le origini della parola “Brand” (marchio) viene fatta risalire (the Brand Journal) all’antico norreno (Brandr), l’antica lingua germanica settentrionale da cui derivano tutte le moderne lingue scandinave. 

Con il termine “Brand” originariamente ci si riferiva a un pezzo di legno in fiamme

La parola “Brand” non è stata usata come verbo fino al tardo medioevo inglese, quando ha iniziato a significare “segnare permanentemente con un ferro caldo“. 

Il termine Italianomarchiare” si fa risalire dal temine francese “Marchier” (1190) e dal francone “markian”. Entrambi i termini significano “contrassegnare“, con il senso di indicare la proprietà, la qualità e la tipologia di un bene.

Ma la pratica del Branding è molto più antica della parola.

Dal 1950 ad oggi il Branding non si è più limitato a mettere un logo su un prodotto. Si è trattato di dare all’azienda, o al professionista, una personalità strategica e di dare un volto umano al suo marchio. Dai primi annunci, in cui si mostrava il prodotto, abbiamo iniziato a raccontare storie e a raccontarci con il nostro Personal Branding. 

personal branding evoluzione canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Dal Branding al Personal Branding - Accademia Italiana di Management

Personal Branding e contesto economico

Per comprendere in quale contesto si inserisce il Personal Branding è necessario capire le varie fasi dell’evoluzione produttiva. In questo percorso ci aiuta Philip Kotler che distingue, nella storia economica recente, quattro strategie di approccio al mercato da parte dell’impresa:

Il Personal Branding rientra all’interno della strategia economica orientata al marketing.

Il Personal Branding è quindi una strategia  “proattiva”, dove il professionista ha un ruolo propositivo nei confronti dei bisogni del mercato, all’interno del quale si rende acceleratore, propulsore e punto di riferimento

Personal Branding e Istinto

L’atto di rendere proprio un oggetto, una conoscenza, un’abilità e di voler comunicare al mondo la sua unicità e distinguibilità, è un istinto che, a quanto pare, fa parte della natura umana, che la definisce, la differenzia e la rende in qualche modo unica.

Il Marchiare diventa così l’impronta dell’uomo. Un atto diventato ormai imprescindibile per definire funzioni ed elementi propri anche del “Branding” moderno.

Tra Trademark e Brand

Trademark: il Marchio

Il Trademark, il marchio, fa riferimento al contesto giuridico-normativo. Con la sua registrazione si cristallizza nel tempo che esso sia una parola, un nome, un disegno, una lettera, una cifra, un suono, la forma di un packaging (L. Minestroni, 2010). In ogni caso il Marchio è sempre un prodotto distinguibile. 

Il Trademark è la declinazione sensoriale del Brand, che sia visiva, uditiva, olfattiva, tattile o del gusto.

L’obiettivo principale del Trademark è quello di conferire differenziazione al Brand.

Non può esistere Brand senza Trademark.

Brand: la Marca

La Marca, al contrario del Marchio, non ha una declinazione “corporea”. È un regno di possibilità (Lury, 2004). Contiene al suo interno l’evoluzione della società, dell’uomo e del mercato, è quindi un soggetto dinamico, un contenitore di valori, sensazioni, emozioni e credenze che riflettono il tempo attuale.

Per questo, il Brand è composto non solo da elementi tangibili, quali: specifici vantaggi per il cliente, le performance dei suoi prodotti, il design o il prezzo,  ma anche e soprattutto da micro-cosmi affettivi, sensoriali, sociali, emotivi e individuali.

Capire il contesto: Il Macroambiente

Passo I: Valutare le forze che influenzano il Personal Branding

Per attivare le prime strategie di Personal Branding dobbiamo scoprire i principali soggetti che intervengono all’interno di questo processo.

L’ambiente esterno al professionista è distinto in macro-ambiente, meso-ambiente e micro-ambiente:

Analisi del Macro-Ambiente

Come abbiamo visto, il Professionista, ha scarse possibilità di influenzare l’andamento del­le principali variabili del macro-ambiente.

Deve tenerle costantemente sotto osservazione al fine di individuare le principali tendenze dei contesti nei quali opera.

È molto importante fare questa analisi per: 

Dinamiche di competizione e Benchmarking: Il meso-Ambiente

Passo II: Individuare la Concorrenza nel Personal Branding

La concorrenza è il frutto della DISCREZIONALITÀ DEL CONSUMATORE  di spendere il proprio tempo e/o il proprio denaro per soddisfare i propri bisogni.

L’obiettivo finale dell’analisi della concorrenza è:

Analisi della concorrenza nel Personal Branding

L’analisi della concorrenza necessaria per avviare un corretto Personal Branding prevede l’utilizzo delle stesse modalità di attivazione di quelle adottate per un brand commerciale.

Nel caso del Personal Branding si tratta di:

5 forze da tenere sempre presenti nel Personal Branding

La concorrenza,  in un determinato settore, va ben oltre il comportamento dei singoli attori e dipende almeno da 5 fattori competitivi fondamentali:

personal branding modello competitivo canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: La Concorrenza Allargata - Accademia Italiana di Management

Cosa ti impedisce di iniziare il tuo progetto di Personal Branding?

1 Il primo passo che devi fare è capire la presenza, la natura e il peso delle forze esterne che potrebbero impedirti di iniziare il processo di Personal Branding:

personal branding concorrenza canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Le Forze Esterne - Accademia Italiana di Management

Qual è la Rivalità fra i concorrenti?

2 Il secondo passo è conoscere alla perfezione i tuoi competitor. Qui trovi degli spunti di riflessione che riguardano le principali variabili da tenere sempre presente. 

personal branding fattori competitivi canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: I Fattori Competitivi - Accademia Italiana di Management

Quali sono i Professionisti Sostitutivi?

3 Il terzo passo è fare un chiaro quadro dell’offerta professionale presente nel tuo mercato di riferimento. 

personal branding impatto competitor canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: I Professionisti Sostitutivi - Accademia Italiana di Management

Quanto è forte il Potere dei clienti?

4 Il quarto passo è l’analisi della composizione dell’ambiente in cui si muovono i tuoi potenziali clienti:

personal branding impattto clienti canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Il Potere dei Clienti - Accademia Italiana di Management

Quanto è forte il Potere dei fornitori?

5 L’ultimo passo è comprendere le dinamiche dei tuoi fornitori (contenuti, partner, di prodotto), dovranno essere presi in considerazione i seguenti fattori di impatto:

personal branding impatto fornitori canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Il Potere dei Fornitori - Accademia Italiana di Management

La Matrice delle Priorità nel Personal Branding

Al termine di questa fase di ricerca di informazioni derivate dall’ambiente esterno risulta necessario, riassumere le dinamiche competitive attraverso uno strumento strategico riassuntivo utile alla valutazione delle principali minacce/opportunità.

La Matrice delle priorità fornisce uno schema di analisi a supporto delle informazioni raccolte, al fine di identificare la priorità delle variabili, degli eventi e delle forze ambientali, la loro probabilità di accadimento e il prevedibile impatto sul processo strategico del professionista.

Come si costruisce una matrice delle priorità per il Personal Branding?

Nell’ottica della matrice delle priorità non esistono minacce e opportunità preordinate, ma solo eventi che possono tramutarsi in una delle due all’accadimento di un evento o alla nostra reazione ad esso. 

Personal Branding e Benchmark

Il Benchmarking è una tecnica di misurazione della qualità, dei prodotti, dei programmi e delle strategie messe in campo da un’azienda o, nel caso del Personal Branding da un professionista.

Il Benchmark è quindi qualcosa di più di un mero confronto, ha come obiettivo principale quello di superare il «best in class».

A questo punto dell’analisi avrai a disposizione tutte le informazioni necessarie per individuare il migliore nel tuo campo. Ora è il momento di superarlo!

Il Modello operativo del Personal Branding AIM: Il Microambiente

Passo III: Come sviluppare una strategia d'azione iniziale

Prima di stabilire una qualsiasi strategia occorre avere chiara la propria strategia di Personal Branding.

È necessario identificare chi sei, cosa fai, perché lo fai meglio di altri, chi è il tuo cliente tipo, cosa gli interessa, dove va su Internet, etc. etc.

Solo successivamente sarà possibile studiare una strategia operativa e decidere quale strumento usare, quale community frequentare, quale linguaggio e tono veicolare, quali contenuti condividere, quale immagine grafica adottare, etc.

Come in ogni strategie che si rispetti, anche nel Personal Branding esistono delle fasi, dei momenti essenziali che il professionista deve passare. Conoscerle significa ottimizzare i risultati, focalizzare le proprie energie sugli obiettivi contingenti e non perdersi d’animo.

Conosci il tuo Target

Combinando le diverse informazioni che hai appreso durante tutto il processo di analisi svolto fino a questo punto ti è ora possibile ottenere una visione del tuo mercato e degli attori che lo compongono. Questa visione è necessaria per creare le giuste strategie di targeting.

La prima cosa che devi accettare è che NON È POSSIBILE RAGGIUNGERE TUTTI I CONSUMATORI IN TUTTI I SEGMENTI. Ciò è dovuto dal fatto che i clienti sono troppo diversi fra loro, hanno esigenze e comportamenti di acquisto molteplici e il tuo tempo e le tue risorse per ingaggiarli sono limitate. 

La Carta di Identità del tuo target

1 Una delle tecniche che possiamo utilizzare è creare una vera e propria carta di identità. Questo strumento è utile per semplificare la complessità delle dinamiche e fornirti uno strumento che ti guidi nelle tue scelte.

Ovviamente, come per tutte le semplificazioni, non è lo strumento definitivo. Ma non preoccuparti per iniziare andrà benissimo.

Di seguito trovi alcune domande per aiutarti a definire il profilo del tuo target. 

Te Stesso: Il Prodotto

2 Utilizzare le tecniche di Personal Branding solo come trucchetti per vendersi meglio, senza che l’immagine proposta sia accompagnata da sostanza adeguata, porterebbe ad un effetto negativo di amplificazione che evidenzia ancor di più i lati deboli di un professionista.
Identifica le seguenti caratteristiche della tua offerta professionale:

La strategia di prodotto persegue un duplice obiettivo: da una parte assicurare che il professionista riesca sempre a soddisfare i bisogni o i desideri del mercato obiettivo e dall’altra garantire che, alla luce delle mutevoli condizioni del mercato, le risorse del professionista continuino ad essere utilizzate nel modo più redditizio.

Quanto vali: il Prezzo

3 Le decisioni inerenti il prezzo sono di vitale importanza per il professionista, poiché il prezzo influenza direttamente il livello della domanda e, di  conseguenza, ne determina la redditività, oltre a contribuire al  posizionamento influenzando la percezione globale del professionista.

Il prezzo, infatti, è la variabile che meglio di tutte si presta al confronto tra i concorrenti da parte del mercato.

Ogni professionista ha un prezzo, vende servizi o competenze. Arrivato a questo punto devi definire il tuo Personal Business Model. 

L’analisi del comportamento dei concorrenti diretti consente di definire il grado di autonomia di cui gode l’impresa nella fissazione dei prezzi.

In questa fase occorre fornire una risposta alle seguenti domande:

Dove operi: La distribuzione

4 Le strategie distributive hanno come obiettivo quello di rendere disponibile un prodotto, nel caso del Personal Branding te stesso, al cliente finale, nei tempi e nei luoghi necessari, realizzando redditività, raggiungendo quote di mercato, aumentando il tasso di crescita l’efficacia vendita.

Le scelte del canale di distribuzione condizionano tutte le altre decisioni di marketing e implicano l’assunzione di impegni a medio-lungo termine.

Alla base della scelta fra canali diretti e indiretti deve esservi una rigorosa valutazione dei costi, dei ricavi e dei rischi di ciascuna alternativa, in modo da utilizzare quella che consente la redditività migliore.

Come ti promuovi: La Comunicazione

5 La comunicazione, negli attuali scenari competitivi, ha assunto una valenza strategica per il professionista. È il più importante strumento di segnalazione al mercato del valore specifico dei tuoi prodotti / servizi rispetto a quelli dei concorrenti.

In generale i destinatari delle tue attività di comunicazione possono essere:

In questa fase occorre fornire una risposta alle seguenti domande:

Nel fissare gli obiettivi della comunicazione occorre sapere in quale stadio di disponibilità all’acquisto si trova il proprio target audience. L’acquisto è, infatti, l’atto conclusivo di un lungo processo decisionale.

L’obiettivo della comunicazione è quello di spostare il cliente da uno stadio di tale processo a quello successivo fino ad arrivare all’acquisto finale.

Come comunichi: Il Messaggio

6 Dopo aver definito il proprio target e gli obiettivi da raggiungere, occorre sviluppare il contenuto del messaggio. Un messaggio efficace deve essere in grado di suscitare, nei confronti del prodotto/servizio: Attrazione, InteresseDesiderio e Acquisto (cosiddetto modello “AIDA”).

In questa fase occorre fornire una risposta alle seguenti domande:

Strategie di Personal Branding

Passo IV: Strumenti Strategici di Personal Branding

Di seguito troverai la descrizione, su come utilizzare i principali strumenti strategici di Personal Branding:

Personal Positioning

1 Il posizionamento è il processo di analisi del sistema cognitivo (percettivo) del tuo consumatore/acquirente ed è volto a rilevare e misurare:

Cosa occorre per un personal Branding di successo?

2 Identifica con precisione quali sono le fasi che devi attraversare per arrivare ad un posizionamento di successo. 

Per cosa ti differenzi?

3 Di seguito trovi alcuni spunti per definire gli attributi del tuo Personal Positioning:

personal branding posizionamento canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Personal Positioning - Accademia Italiana di Management

qual è il Vantaggio Competitivo del tuo Personal branding?

4 Il vantaggio competitivo va costruito in funzione dei fattori-chiave del tuo business.

Strategie di Personal Branding

5 A questo punto devi decidere quale strategia adottare:

personal branding vantaggio competitivo canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Il Vantaggio Competitivo - Accademia Italiana di Management

Personal Value Proposition

6 La Personal Value Proposition si basa sulla scelta della strategia di posizionamento ossia come il professionista intende essere percepito rispetto ai concorrenti.

Questo posizionamento è possibile attraverso la selezione dei fattori su cui connotarsi e quanto essere percepito come differente /  simile rispetto ai concorrenti. 

La Personal Value Proposition è rivolta al cliente ed è la configurazione concreta dei motivi che dovrebbero far preferire i servizi / competenze del professionista rispetto a quelli dei concorrenti.

La sua funzione è quella di costringere il professionista ad esprimere in modo compiuto le caratteristiche fondamentali e differenziali del posizionamento che intende perseguire.

Unique Selling Proposition

Gli elementi di una potente Unique Value Proposition dovrebbero riassumere in modo memorabile, emozionante, personalizzato e difendibile le modalità attraverso le quali il tuo consumatore riesce a soddisfare con i tuoi servizi (e meglio degli altri) i suoi bisogni.

Parti sempre dalle necessità dei tuoi potenziali consumatori. Analizza in che modo i tuoi competitor già soddisfano questi bisogni. Crea un’offerta personalizzata migliore dei tuoi concorrenti.

Studia il Target e la concorrenza

Studia il profilo del tuo target (demografia, geografia, psicografia e stili di vita). Osserva il tuo target nel suo habitat. Attiva una conversazione. Prendi nota di quello che impari. Disegna la Carta d’Identità del tuo cliente ideale.

La fase di analisi della concorrenza è la base di partenza per ogni offerta vincente. Anche nel Personal Branding conoscere, valutare e anticipare i competitor è un percorso fondamentale per riuscire ad entrare e rimanere nella mente del tuo consumatore ideale.

Studia il Target e la concorrenza

La Proposta di Valore è una promessa sul valore futuro dei tuoi servizi ed illustra quanto i benefici futuri saranno rilevanti e supereranno i costi totali. Per creare una proposta di valore forte, devi essere in grado di rispondere a queste 5 domande:

personal branding value proposition canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Unique Value Proposition - Accademia Italiana di Management

Modello Competitivo

7 Non è possibile raggiungere la leadership in tutte e tre le aree.
Per questo bisogna concentrare gli sforzi solo su una dimensione e portare a livello Tollerabile le altre due. 

Quattro regole da seguire:

personal branding business model canvas cos'è significato esempi business school corso alta formazione mba master primo livello accademia italiana di management
Personal Branding: Le Dimensioni del Valore - Accademia Italiana di Management

Personal Branding e Social Media

Passo V: Personal Branding e Social Network

Le Professional Keyword sono le parole che identificano la nostra attività, la nostra professionalità, il nostro sito web, il nostro blog, il nostro summary di Linkedin.

Sono utilizzate affinchè il nostro profilo (nome, dominio, blog, twitter) possa risultare posizionato tra le prime ricerche e quindi venga più facilmente trovato dagli utenti. 

Individuare:

Personal branding su Linkedin

Lo scopo principale del sito è consentire agli utenti registrati di mantenere una lista di persone conosciute e ritenute affidabili in ambito lavorativo. Le persone nella lista sono definite “connessioni”: esse sono in effetti le connessioni di un nodo (l’utente) all’interno della rete sociale. L’utente può incrementare il numero delle sue connessioni invitando chi di suo gradimento.

LinkedIn fornisce varie sezioni – Titolo professionale, Esperienza, Competenze e specializzazioni, Istruzione, ecc. – che utilizzerai per mostrare e descrivere le tue abilità, i punti di forza e i risultati “difficili” che sei riuscito ad ottenere.

Indicazioni introduttive per un corretto profilo Linkedin

Personal Branding su Twitter

Solo pochi caratteri per stabilire una connessione con un potenziale cliente, un partner o un Influencer.

Puoi permetterti davvero di non raggiungerli?

Twitter è una piattaforma molto dinamica, per questo è importante avere un progetto di Personal Branding definito

Vediamo insieme quali sono i passi da compiere. 

Definisci e affina il tuo Personal Branding

1 Definisci i semi del tuo Personal Branding su Twitter. Pensa a questa riflessione come a un’opportunità per mostrare le tue reali capacità, le tue passioni e i tuoi interessi.

Individua il tuo focus principale, seleziona poi due o tre argomenti di “super-nicchia” e costruisciti un seguito solido e attivo. 

Affina il profilo Twitter, ricordati che è il tuo volto per il mondo su Twitter. Chiunque leggerà i tuoi contenuti o i tuoi articoli, controllerà poi il tuo profilo Twitter.

Assicurati che il tuo profilo Twitter definisca il tuo Progetto di Personal Branding.

Utilizza un’immagine del profilo che ti definisca e che evidenzi il progetto di Personal Branding. Scegli un taglio editoriale in linea con il tuo progetto di Personal Branding.

Segui i Leader

2 Per sviluppare un piano di Personal Branding efficace su Twitter è essenziale iniziare a seguire i professionisti e gli Influencer che ritieni i più influenti nel tuo settore di riferimento. Osserva quali contenuti trattano, in che modo, con quale taglio comunicativo e che tipo di relazione riescono a stabilire con il loro pubblico. 

Oltre ad osservare i luminari di Twitter al lavoro, inizia a coinvolgerli nel tuo progetto di Personal Braning. Ricorda che, come tutti, anche gli Influencer, apprezzano gli elogi. Non esagerare, rimani sempre professionale ma cerca di fare capire loro che apprezzi quello che fanno e il loro stile. 

Non aspettarti una reazione immediata, è un lavoro duro, ma se l’influencer alla fine inizia a seguirti, o meglio ancora inizia a menzionarti,  hai segnato un colpo grosso!

Se riesci a raggiungere direttamente i tuoi Influencer preferiti, pensa a cosa puoi offrire loro in cambio, ad esempio una menzione in un post di blog o in un articolo. 

Se ti stai chiedendo quale impatto possono avere gli Influencer , considera questi dati: quasi il 40% degli utenti di Twitter afferma di aver effettuato un acquisto come risultato diretto di un Tweet di un Influencer.

Crea e cura contenuti di alta qualità

3 Twitta contenuti utili e approfonditi, in questo modo aumenterai la tua reputazione. Se c’è un filo conduttore tra tutti i soggetti di Twitter è che tutti pubblicano un flusso costante di contenuti preziosi.

Se vedi un coinvolgimento positivo del tuo pubblico, allora continua a Twittare. Trova il tuo ritmo

Se sei seriamente intenzionato a creare il tuo Personal Brading, allora prova a pubblicare alcuni contenuti originali. Ricordati che i contenuti originali sono il carburante dei social media!

Condividi solo i contenuti dei quali hai identificato e verificato la fonte o l’autore.

Give to get

4 Twitter è una strada a doppio senso: se ti avvicini, le persone si avvicinano. 

Metti da parte un pò di tempo per interagire con i tweet dei tuoi follower e per contattare gli Influencer con cui vorresti instaurare una relazione. 

Vuoi sapere come rompere il ghiaccio con i tuoi Influnecer preferiti? Dai una rapida occhiata alle loro biografie e ai tweet recenti, troverai sicuramente qualcosa di cui complimentarti o di cui parlare per creare una connessione.

Give to Get: condividi il lavoro delle persone che ammiri e loro daranno un’occhiata al tuo lavoro.

Va bene mescolare affari e vita privata. Le persone vogliono conoscere la persona dietro il cervello

Hashtag e Analisi

5 Una delle caratteristiche distintive di Twitter è di offrire un feedback praticamente istantaneo ai tuoi contenuti di Personal Branding. Non appena pubblichi qualcosa, puoi vedere come questo contenuto si comporta in termini di reazioni, commenti e diffusione. 

Puoi usare Twitter come una piattaforma di collaudo per i tuoi contenuti. Vedi cosa risuona,  e ottimizzalo per la condivisione sulle altre piattaforme, per la newsletter, per i post di blog, libri e in generale per il tuo progetto di Personal Branding.

Usa gli hashtag in modo da poter essere trovato e per gestire i tuoi contenuti. Confronta il modo in cui i tweet con un determinato hashtag si comportano e la loro relazione con altri hashtag.

Prenditi del tempo per trovare lo strumento giusto per misurare e analizzare la tua attività su Twitter (Triberr per la pubblicazione, RiteTag per trovare i migliori hashtag).

Il Personal Branding su Instagram

Instagram sta diventando una sorta di gioiello nascosto per imprese e professionisti. Nonostante la sua popolarità, solo il 30% delle aziende che utilizzano i social media hanno un account Instagram e ancora meno sono i professionisti che utilizzano il Personal Branding su Instagram.

Come dovresti avvicinarti a Instagram rispetto ad altre piattaforme?
Il consiglio più ovvio è che si tratta di una piattaforma visiva. Dovrai quindi avere una strategia per condividere la tua esperienza attraverso foto, video e brevi testi.
Quando le persone visiteranno il tuo account di Personal Branding su Instagram, dovrebbero essere in grado di conoscerti ad un livello più personale rispetto a un profilo LinkedIn.

La Strategia per Instagram

Prima di iniziare a pubblicare su Instagram, devi avere un piano editoriale che ti differenzi dai tuoi competitor.

Nuovo Account

Crea un account Instagram pubblico e professionale che i datori di lavoro, i clienti o i partner possano trovare quando ti cercano. Prendi in considerazione la possibilità di iscriverti ad un account “business” Instagram, in modo da poter accedere alle statistiche del tuo pubblico e aggiungere link alle tue storie.

Prima di aggiungere qualsiasi contenuto, dovrai impostare il tuo profilo. Questo significa scrivere una biografia chiara che includa:

Tema Principale

Mantieni un tema principale. Il tuo account di Personal Branding su Instagram dovrebbe essere il più coerente possibile, Questo vuole dire limitare il numero e la natura dei post che escono fuori dai temi principali. È possibile in ogni caso pubblicare anche contenuti della tua vita privata purchè non risultino eccessivi e fuori luogo.

Mantieni il tuo messaggio congruente combinando il tema generale del tuo account con i tuoi interessi privati. Non dimenticare che il tuo Personal Branding su Instagram deve rimanere coerente in tutti i tuoi sforzi di marketing, quindi il tuo tono di voce e il tuo modo di fare non devono differire da qualsiasi altra azione di marketing che stai facendo.

Gli Hashtag

Non dimenticare gli Hashtag! I Brand vengono scoperti usando gli hashtag. Sono le briciole di pane che portano alla porta, al sito o al servizio. Imparare ad usare bene l’hashtag ti aiuterà ad ottenere risultati migliori.

Gli hashtag parlano alla tua nicchia. Guarda i tuoi account preferiti e vedi come usano gli hashtag. Le scelte per gli hashtag includono i tuoi prodotti e i tuoi servizi.

Il Tono della Comunicazione

Mantieni sempre una comunicazione eccitante e assicurati che i tuoi post abbiano tutto il necessario per coinvolgere i tuoi seguaci, compresi:

Content is the King

Cura i tuoi contenuti. La regola numero uno è che se non vuoi che il tuo futuro datore di lavoro, partner o cliente lo veda, non lo pubblicare!

Approfitta della funzione Stories, questo può essere un ottimo modo per condividere eventi dal vivo, rapidi frammenti della tua esperienza, o te stesso in azione.

Infine, prendi in considerazione la possibilità di condividere i post di altre persone che sono allineati con il tuo Personal Branding che potrebbero ispirare i tuoi follower.

Le Connessioni

Costruisci connessioni. Seguire gli altri non è solo un modo semplice per ottenere che il tuo profilo sia seguito dalle persone giuste, ma è anche un ottimo modo per rimanere in contatto e seguire i trend dettati da coloro che ammiri. Non avere paura di creare un legame personale.

Monitoraggio

Monitora il tuo Account. Avere un buon Personal Branding su Instagram richiede uno sforzo costante. Se vuoi essere un professionista, considera l’idea di pubblicare un post al giorno o una volta alla settimana al minimo. Puoi usare applicazioni gratuite come Plann per aiutarti ad automatizzare la tua programmazione.

Il Personal Branding su Youtube

YouTube è il canale di accesso per chi cerca attivamente soluzioni ai propri problemi

La creazione di contenuti che risolvono efficacemente il loro problema creerà immediatamente fiducia, rapporto e autorità per il vostro marchio

Inoltre, essendo un mezzo audiovisivo, l’impatto è maggiore e più intimo rispetto alla parola scritta.

Tutto questo aggiunge punti al tuo Personal Branding su Youtube

Ora, creare semplicemente dei video e metterli su YouTube potrebbe non funzionare per il tuo marchio. 

È invece necessario ottimizzare i video per l’algoritmo di YouTube

Ottimizzazione dei contenuti

Sii energico ed espressivo nei tuoi video. Inizia con un gancio in cui dichiarate cosa imparerà lo spettatore guardando questo video. Dai un po’ di spinta dicendo ciò che rivelerai alla fine del video.

Il Personal Branding su Facebook

Se non stai usando il tuo account Facebook come strumento di promozione per il tuo Personal Branding, non stai sfruttando uno degli strumenti di marketing più potenti del mondo.

Puoi ricevere molta visibilità se sviluppi con attenzione la tua presenza di Personal Branding su Facebook. Potrai aumentare il tuo pubblico, le interazioni e eventualmente le vendite.

Di seguito troverai alcuni spunti di riflessione che ti daranno una mano a sfruttare al meglio tutte le potenzialità di un progetto di Personal Branding su Facebook.

Conosci il tuo pubblico

Come è stato ribadito più volte, anche per le azioni di Personal Branding su Facebook, è necessario avere bene a mente il tuo target di riferimento. Questo sia per stabilire quali aspetti della comunicazione debbano essere evidenziati per toccare le corde più sensibili al tuo target, ma anche per determinare con chiarezza a chi ci rivolgiamo, quali sono i loro bisogni e in che modo promettiamo di risolverli.

Decidi la tua strategia di Personal Branding su Facebook

La tua strategia di Personal Branding su Facebook deve essere basata non solo sul pubblico a cui ti rivolgi, ma anche sugli obiettivi generali che ti sei prefissato. Stabilire una strategia efficace significa scegliere quali link e media condividere nel tuo flusso di notizie, quali post possono aggiungere valore al tuo Personal Branding e quali “amici” possono avvicinarti ai tuoi obiettivi.

Compila il tuo profilo completamente

Quando compili i campi informativi, assicurati di concentrarti sulla sezione istruzione e lavoro. Questa sezione permette di riconnettersi con compagni di università, colleghi, clienti e con vecchi datori di lavoro. Queste relazioni potranno aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di Personal Branding su Facebook.

Assicurati di citare il tuo blog, il tuo sito web e i link ai tuoi profili social. Anche in questo caso ricordati sempre di utilizzare le keyword giuste, per essere trovato con maggiore facilità.

Privacy su Facebook

Imposta le regole della privacy. Se vuoi davvero creare un progetto di Personal Branding su Facebook allora dovrai necessariamente filtrare le informazioni e i contenuti che pubblichi.

Limita le informazioni visualizzate sul tuo profilo a determinati gruppi o se vuoi attirare un maggior numero di contatti puoi lasciare che alcune informazioni siano accessibili a tutto il pubblico.

Non rivelare mai troppe informazioni personali. Le informazioni sul tuo lavoro, sui tuoi successi e le informazioni sulla tua formazione possono attirare datori di lavoro, partner e clienti, persone con interessi simili e infine rafforzare il tuo Personal Branding su Facebook.

Cerca di essere professionale e usa bene i tag

La tua pagina Facebook deve apparire seria e rappresentare il tuo Personal Branding, la tua impresa o qualsiasi altro progetto hai in mente. La regola è di non pubblicare contenuti che non vorresti far vedere a datori di lavoro, partner, clienti o fornitori.

Usare bene i tag può portare ad un aumento della visibilità del tuo profilo di Personal Branding su Facebook. Una tecnica appropriata è taggare solo le persone presenti nella foto. In ogni caso non taggare le persone che non hanno nulla a che fare con quel determinato post solo per ottenere la loro attenzione, molto probabilmente otterrai l’effetto opposto.

Rispondi ai commenti e usa sempre un'immagine

Ogni commento sui tuoi post merita il tempo di una risposta. Se una persona ha scritto un commento dovresti costruire con lei un’interazione e ringraziarla per averlo fatto. In questo modo sarà più probabile generare nuove relazioni e comunicare a Facebook di mostrare in futuro a questo contatto i tuoi post.

Non scrivere mai un post di solo testo. I post fotografici ricevono molta più attenzione da parte dello spettatore e Facebook li promuove maggiormente. Utilizza sempre foto in alta risoluzione, pubblicandole prima tra le tue foto.

Crea pagine e gruppi e usa gli eventi di Facebook

Se hai un numero significativo di amici, puoi aumentarlo aprendo una nuova pagina. Creando un gruppo, ti metterai in contatto con altri membri della tua comunità. Le persone interessate agli stessi temi si collegheranno con te e la tua rete crescerà in modo organico, così come il tuo Personal Branding su Facebook.

Promuovi o organizza un evento di settore. Apri l’evento a tutti gli interessati e attira nuovi contatti. Continua a coinvolgere i partecipanti pubblicando nuovi aggiornamenti sull’evento e sui prossimi in programma. Questo strumento ti permetterà di affermarti come una figura significativa nella tua nicchia di riferimento.

Personal Branding e Instagram:Take Away 1

Personal Branding Canvas

Passo VI: Personal Branding Canvas AIM

Il Personal Branding Canvas AIM è lo strumento perfetto per non commettere errori sia nella fase preparatoria del proprio Personal Branding, sia nella fase di lancio e mantenimento di tutto il tuo progetto.

Scarica subito la guida in PDF e leggila con calmaAll’interno della guida troverai anche una Checklist che ridurrà i tempi di avvio del tuo progetto di Personal Branding!

Personal Branding Canvas Aim

Scaricando la guida al Personal Branding AIM avrai accesso ad un modello operativo sviluppato in anni di esperienza e frutto di un riassunto estremamente pratico che ti permetterà di tenere sott’occhio tutte le principali dinamiche competitive come:

Accademia Italiana di Management

E adesso?

Segui un Master di primo livello

Corsi Personal Branding

Consulenza Individuale

Servizi per le Imprese

Come avrai capito per sviluppare un progetto di Personal Branding realmente efficace è necessario seguire delle tappe ben definite. Per questo AIM inserisce in tutti i suoi Master in Management una sezione dedicata esclusivamente al Personal Branding. Se sei alla ricerca di un Master di primo livello allora ti consigliamo di dare un’occhiata ai percorsi AIM, potresti trovare quello che cerchi. 

Se sei interessato ad approfondire l’argomento possiamo darti una mano attraverso i Laboratori Manageriali di II° livello. Questi appuntamenti, aperti al pubblico, sono dei momenti operativi in cui oltre a trasferire tutti i processi operativi per creare la tua struttura d’azione, vengono offerti esclusivi strumenti per un buon management del Personal Branding (Checklist, Piano Operativi, Editoriali e molto altro). 

Potresti aver già avviato il tuo progetto di Personal Branding ed esserti accorto solo ora di avere necessità di una mano. Non preoccuparti, tutto si risolve. AIM può supportarti in ogni momento attraverso dei percorsi individuali. Se questo è quello che cerchi allora contatta l’Accademia Italiana di Management ora! Potrai sicuramente soddisfare le tue necessità attraverso un percorso di consulenza personalizzato.

Il Personal Branding può essere utilizzato anche nelle imprese per sviluppare competenze, awareness, coesione e far crescere le risorse umane. Se sei un’impresa e sei alla ricerca di un partner per sviluppare un progetto di Personal Branding non esitare a contattare l’Accademia Italiana di Management. In molti anni di collaborazione con il mondo produttivo, AIM ha affrontato e soddisfatto necessità simili alle tue. 

Torna su

Scarica la Brochure del tuo Master

Prenota un appuntamento

Cliccando accetto i termini GDPR 

Resta nel "Giro"!

CONDIVIDI QUESTO CONTENUTO ADESSO!
Sarà un motivo per parlare con i tuoi contatti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Leggi con calma l'articolo

Privacy & Cookie Policy Accademia Italiana di Management

Accademia Italiana di Management utilizza cookie tecnici necessari alla navigazione e funzionali all’erogazione del servizio. Utilizziamo i cookie anche per fornirti un’esperienza di navigazione sempre migliore, per facilitare le interazioni con le nostre funzionalità social e per consentirti di ricevere comunicazioni di marketing aderenti alle tue abitudini di navigazione e ai tuoi interessi.

Scarica la Brochure dei Servizi dedicati alle imprese